Fusione bancaria vs fido

Pubblicato il 03/12/2015

Le conseguenze di una fusione bancaria sul fido di una azienda

Le aziende italiane fanno spesso ricorso a una molteplicità di fidi con istituti di credito diversi, al punto che PMI con fatturato inferiore a 5 Mln di Euro possono avere una decina di banche creditrici o anche più. Ovviamente le aziende più piccole tendono a indebitarsi con gli Istituti geograficamente più vicini, ai quali sono legate da consolidati rapporti fiduciari.

Una fusione può piombare dal cielo come una bomba su queste relazioni, sconvolgendole in profondità. Non solo perché, nell’ambito di una complessiva revisione delle reti commerciali, una fusione tende ad allontanare il cliente dal suo referente storico, ma anche perché le politiche di contenimento del rischio imposte dalla Vigilanza potrebbero ridimensionare le linee di credito concesse.

In conclusione, le fusioni tra istituti di credito fanno sì che gli affidamenti alle stesse aziende si sovrappongano, con conseguente riduzione dei fidi. Lo scopo è limitare i rischi, specie sulle aziende più fragili, che ora devono trovare alternative.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok